Hai bisogno di aiuto? Chiamaci! 0362861492
Carrello Guarda cosa hai preso fino ad ora:
0 PR. € 0,00
CASSA
  • Pagamento sicuro e Spedizioni in tutta Italia
  • Paga con PayPal, Bonifico o Contrassegno
  • Forniture Fotografiche delle migliori marche

DigiGraphie EPSON

La Digigraphie® di Epson garantisce gli standard più elevati nella riproduzione digitale dei capolavori artistici. Grazie alla Digigraphie il mondo dell’Arte può avvalersi dei progressi della tecnologia digitale garantendo qualità e durata eccezionali delle opere così riprodotte. La Digigraphie è il frutto dei tanti anni di ricerca di Epson sulle prestazioni tecniche delle proprie stampanti e sulla resistenza e qualità degli inchiostri a pigmenti Epson UltraChrome™.

Il risultato? Digigraphie, un marchio di validazione che consente di produrre o riprodurre capolavori in serie limitata che i vostri clienti saranno fieri di possedere. Ogni opera d’arte può disporre di copie digitali uniche poiché ogni riproduzione è numerata, referenziata e firmata dall’artista.

Digigraphie è un marchio di eccellenza per il cui utilizzo è richiesta l’osservanza di precisi criteri e di regole di utilizzo, per attribuire così un valore aggiunto alle vostre riproduzioni digitali grazie al marchio di approvazione Digigraphie® Collection Origini

La creazione del marchio Digigraphie è relativamente recente, ma la tecnica esiste già da molto tempo. La Digigraphie nasce ufficialmente il 13 novembre 2003 in occasione del centenario del Salone d'Autunno di Parigi. Per molto tempo fotografi, scultori e pittori, ma anche laboratori fotografici e litografici, hanno fatto ricorso alla tecnologia delle stampanti Epson per la riproduzione di stampe artistiche e hanno quindi tracciato la strada per una nuova disciplina: la riproduzione digitale di opere d’arte.

 

La ricerca del nome giusto

Ma come definire una stampa artistica digitale creata con una stampante Epson? La questione era stata al centro del dibattito fin dal 1991 negli USA, quando il responsabile delle stampe presso Nash Edition, Jack Duganne, era alla ricerca di un termine generico che descrivesse le opere dell’artista Diane Bartz riprodotte con la tecnologia inkjet. Utilizzò il termine francese "jet d’encre" (inkjet) che modificò in "gicleur" (getto/ugello) per arrivare infine a "giclée" (a spruzzo).

Gli artisti francesi hanno dovuto affrontare lo stesso problema di Duganne. Hanno immediatamente escluso l’espressione "stampa inkjet", che consideravano inappropriata per le stampe artistiche. Alcuni decisero quindi di creare un’etichetta propria ed è così che Philip Plisson, artista dei paesaggi marini, ha coniato il termine "Pixographie", mentre Jean-Noël l’Harmeroult, fotografo di moda, ha inventato la parola "Hyperchrome". Questi due professionisti dell’immagine hanno quindi utilizzato un’etichetta personale per descrivere le stampe artistiche a edizione limitata ottenute con le stampanti fotografiche professionali Epson. Era quindi necessaria la creazione di uno standard di settore.

La nascita del marchio "Digigraphie®"

Dopo una approfondita verifica svolta consultando vari artisti e clienti, nel 2003 Epson France ha registrato il nome Digigraphie® presso l’INPI (Institute Nationale De La Propriété Industrielle) e l’OHMI (Office of Harmonization for the Internal Market). Il marchio commerciale è così diventato europeo. Il marchio può essere utilizzato da tutti coloro che ne rispettano le regole

La tecnica al servizio dell’Arte

Grazie alla tecnologia utilizzata dalle stampanti Epson e alla qualità degli inchiostri Epson UltraChrome™, Epson rappresenta uno stimolo per il settore dell’arte e offre nuove prospettive ad artisti, gallerie e musei.

Digigraphie: qualità garantita

Epson ha creato un gruppo di lavoro che riunisce fotografi, scultori e pittori il cui ruolo è definire le regole e i criteri di utilizzo del marchio, garantendone l’armonizzazione tra le varie discipline artistiche nel corso della sua evoluzione nel tempo. Il comitato svolge un ruolo di consulenza rivolto agli artisti, offrendo consigli su come adattare la tecnologia Epson alle peculiarità della loro espressione artistica.

Una vasta scelta di supporti fine art

La realizzazione di opere Digigraphie è strettamente legata ai materiali utilizzati. Epson ha quindi selezionato una gamma di supporti fine art di qualità elevata dedicati alla Digigraphie: Ultrasmooth Fine Art Paper, carta ruvida per applicazioni artistiche, tele in rotoli, carta fotografica tradizionale, nonché carta opaca "Matte" con finitura Diasec®. Tutti questi materiali sono stati testati in laboratori indipendenti per garantire la stabilità della riproduzione nel tempo. L’elenco completo dei supporti artistici è disponibile sul sito www.digigraphie.com

 

Perché utilizzare la Digigraphie? A chi è destinata?

 

1 Il mondo dell’Arte

Non sono solo artisti e musei che aspirano a una maggiore libertà, a una maggiore visibilità e a un maggiore controllo sulle proprie riproduzioni artistiche, ma anche i clienti che desiderano essere sicuri della qualità e della durata dell’opera d’arte preferita. Il fotografo non si limita a scattare immagini, ma produce personalmente le proprie stampe e, per ogni immagine, sceglie il layout preferito. Le possibilità sono infinite. Maggior visibilità per gli artisti Un’opera originale è unica per definizione. La Digigraphie offre a ogni artista l’opportunità di ampliare la diffusione delle proprie creazioni, con edizioni di qualità elevata in tiratura limitata. Controllo sulla produzione artistica La tecnologia Epson consente agli artisti di controllare la qualità e la quantità delle stampe prodotte. La tecnica Digigraphie evita i plagi perché ogni opera viene numerata, stampata e firmata dall’artista; ogni stampa fa parte di un’edizione limitata La stampa su richiesta Gli artisti sono liberi di stampare le proprie opere quando vogliono, senza il timore di rovinare gli originali. La Digigraphie di Epson garantisce la perfetta riproduzione di colori e sfumature: le caratteristiche dell’opera non cambiano nel tempo. Gli artisti possono quindi riprodurre i propri lavori in base alle richieste pervenute. Un migliore utilizzo del patrimonio artistico Utilizzare la Digigraphie di Epson significa estendere la durata di un’opera d’arte. Gli artisti dispongono di una nuova forma espressiva e di un nuovo supporto per rinnovare il proprio patrimonio. E’ quindi una valida alternativa all’opera singola e alle stampe in grande tiratura. H I Una galleria online Sul sito www.digigraphie.com, gli artisti Digigraphie possono ora registrarsi e presentare il proprio portfolio di opere Digigraphie in una galleria online.

2 Gallerie piene di vita

La Digigraphie offre nuove prospettive anche alle gallerie. Uno dei vantaggi offerti dalla Digigraphie è il carattere originale delle opere d’arte. Ogni stampa prodotta da un artista Digigraphie rappresenta in realtà un’opera originale, numerata e firmata. Le gallerie possono così disporre di un’offerta multipla e vendere copie di un’opera esclusiva in tiratura limitata. Digigraphie Collection Un altro vantaggio di questa tecnologia è la vendita delle Digigraphie Collection, un marchio specificamente destinato alle opere degli artisti del passato. Gli eredi di un artista deceduto possono creare digigrafie delle opere d’arte per esporle in una galleria. Si tratta quindi di un modo per rivalutare l’eredità lasciata da un artista

3 Musei fieri delle proprie raccolte

Il marchio Digigraphie Collection è un’opportunità di sicuro interesse per i musei di tutta Europa. Le strutture pubbliche e private possono ora offrire ai visitatori la possibilità di acquistare capolavori in tiratura limitata sotto forma di riproduzioni esclusive e di lunga durata delle proprie foto o dei propri dipinti preferiti. Un’ottima opportunità per arricchire la propria casa con un’opera d’arte. La vendita delle opere Digigraphie Collection può avvenire in occasione di mostre temporanee o durante un’esposizione permanente.

 

SCARICA LA BROCHURE

2 Prodotti

Imposta Ordine Discendente
per pagina

2 Prodotti

Imposta Ordine Discendente
per pagina